I clamorosi flop del 2016!

0

Il cinema si sa, è composto da più facce. Molto spesso si parla più dei film che sfondano gli incassi, che rompono gli schemi piuttosto di quelli che cadono clamorosamente a terra. E la botta, quando di cinema si parla, è sempre molto pesante. Ecco i flop del 2016, basati sugli incassi degli States (generalmente, non sempre, riflettono il trend).

  1. Alice attraverso lo Specchio è costato ben 170 milioni di dollari e ne ha incassati appena 70.
  2. The Legend of Tarzan, altro film che ha fatto perdere milioni alla casa di produzione: un incasso di 118 milioni di dollari contro un investimento di 160 milioni.
  3. Warcraft, era meglio a farlo tutto in grafica digitale. Tra comparse e attori il badget di questo film si attesta, come quello prima, intorno ai 160 milioni ma gli incassi sono stati letteralmente rovinosi47 milioni di dollari incassati. Roba da suicidio!
  4. Il Grande Gigante Gentile, che in Italia arriverà domani 1 gennaio 2017 in America ha incassato appena 18 milioni. Il costo è stato di 140 milioni di dollari. Spielberg, stavolta hai fatto un rovinoso buco nell’acqua. I tempi di E.T. e degli assegni in bianco delle majors stanno finendo!
  5. Ghostbusters è un altro floppone che va ad allungare la lista dei malriusciti del 2016. L’incasso di 88 milioni di dollari non si avvicina minimamente ai 144 cacciati fuori per produrlo. Era comunque prevedibile. Questo film fece discutere anche prima della sua uscita.

Questi sono stati i flop più clamorosi della stagione cinematografica 2016 dei film statunitensi. Ora vediamo invece i nostri flop, quelli tutti italiani!

  1. Tommaso, con Kim Rossi Stuart. Floppone atroce, nonostante sia stato pubblicizzato moltissimo sia per radio che in tv. Jasmine Trinca molla immediatamente il protagonista del film. Autoreferenziale e scontatissimo!
  2. Sempre meglio che lavorare dei The Pills. Nonostante siano ragazzi in gamba e assolutamente pronti al confronto. Nonostante si siano creati da soli, questo film fa veramente cagare. Solo alcuni ottimi “sprazzi” di luce dati dall’ottima regia di Luca Vecchi.
  3. Questi Giorni, di Giuseppe Piccioni. Il Grande Blek credo sia ancora il suo miglior film. Il senso è di assoluta inadeguatezza.
  4. In Guerra per Amore di Pif. Dopo la brillante serie tv tratta dal suo film La Mafia uccide solo d’Estate, Pif ci riprova ma purtroppo l’esordio non è così brillante. Anzi, tutt’altro…
  5. Pericle il Nero, con Riccardo Scamarcio. Attore molto amato quanto odiato, protagonista di teen movies in passato, questa volta ci prova un po’ come fece con Elio Germano nel film tratto dal romanzo di Pennacchi Mio Fratello è figlio unico. Purtroppo la produttrice, Valeria Golino insieme al talentuoso regista Mordini, non hanno osato abbastanza. Doveva uscire fuori una straziante storia ma Pericle Scalzi a me è sembrato soltanto un inerme personaggio in balia del suo destino.

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteAnthony Hopkins, qualche curiosità nel giorno del suo compleanno!
Articolo successivoI Dossier della Scimmia: Patty Hewes
Studente al Dipartimento di Arti e Scienze dello Spettacolo di Roma La Sapienza, autore del romanzo Il Negozio dei Ricordi Picard. Si innamora della settima arte dopo aver visto "M il mostro di Dusserdolf". Segue attivamente il mondo del cinema e adora le commedie brillanti alla Little Miss Sunshine. Amore incontrollato per Woody Allen, di cui ne ammira genialità e riferimenti. Legge molto, in particolare romanzi russi e francesi. La sua citazione? Dio è morto, Marx è morto e neanche io mi sento tanto bene.