Toni Servillo da spettacolo a Che Tempo che Fa

La maggior parte delle persone lo conosce per il suo ruolo Jep Gambardella in La Grande Bellezza di Sorrentino. Ruolo che, secondo me, è uno dei peggiori che gli sia stato affidato. Ok, belli i grandangoli e belli i marmi. Come lo sono stati anche in Youth. Pubblico incredulo per l’insuccesso internazionale di quest’ultimo. Ma questo è un altro di scorso.

Servillo, attore, studioso di teatro, insegnante. Un concentrato di cultura. Non ci sono altre parole per definirlo. Il Servillo riflessivo, pacato, con una dialettica impeccabile e un italiano perfetto e preciso. Il Servillo che quando parte parte… Senza fermarsi.. Parla, parla e parla. Ma questa sera, ospite a Che Tempo Che Fa di Fazio non ha parlato di cinema. Assolutamente. Ha dato una lezione di teatro che neanche il mio professore di drammaturgia avrebbe saputo darmi.

406077_10200329702314224_1162306851_n

Inizia la trasmissione dicendo che in questo periodo è al Teatro Piccolo di Milano per una stagione di spettacoli. Sta recitando, infatti, L’Elvira. È il protagonista e, oltre ad interpretare il protagonista dirige anche lo spettacolo. Annuncia che presto interpreterà Geppetto nel nuovo spettacolo teatrale Pinocchio di Garrone. Fa passare per un trip culturale anche la figura del padre di Pinocchio, il falegname Geppetto. Sorride e afferma che è felicissimo di poter recitare ancora una volta sotto l’attenta direzione di Garrone.

È lontano il suo debutto nel 1992 in televisione, grazie a Mario Martone che lo volle nel suo film Morte di un Matematico. E da allora la strada è stata tutta in salita. Il connubio con Sorrentino, con cui ha fatto Il Divo, Le conseguenze dell’amore e L’uomo in più.