Oggi andare al cinema costa solo 2 euro. Ecco i titoli più interessanti nelle sale

Che giorno è oggi? Il 9 Novembre 2016 è il secondo mercoledì del mese: e se volete andare al cinema il vostro portafoglio di certo ve ne sarà grato. Infatti proprio oggi, grazie all’iniziativa proposta dal Ministero delle attività e beni culturali, il biglietto costa solamente 2 euro. Affrettatevi allora perché sicuramente non mancherà la noiosa coda davanti alle biglietterie dei multisala di tutta Italia. Dalla redazione di La scimmia pensa, la scimmia fa 2.0 abbiamo deciso di consigliarvi  i tre titoli più interessanti della settimana.

in_guerra_per_amore

Il primo film che abbiamo voluto selezionare è In guerra per amore, diretto da Pierfrancesco Diliberto, in arte Pif. Alla sua opera cinematografica numero due; il film è un viaggio nella Sicilia della seconda guerra mondiale, vista dagli occhi del soldato italoamericano Arturo. Una visione storica, comica e commovente tipica del cinema di Pi: alla scoperta delle origini della mafia e la sua “alleanza” con l’esercito americano per agevolarne lo sbarco e la liberazione della Sicilia dal fascismo.

doctor-strange-banner-1

Da non perdervi è anche il campione degli incassi della settimana. Arrivato (solo in Italia) a quota 3 milioni in appena sette giorni, Doctor Strange è il film rivelazione della Marvel. Benedict Cumberbatch diventa il supereroe in una favola contro il male, interpretando il neurochirurgo Strange vittima di un incidente stradale. Per guarire si reca in Nepal da Tilda Switon che cerca un discepolo in grado di frenare il male oscuro che minaccia i monasteri baluardi in giro per il mondo. Un racconto fiabesco e ironico diretto da Scott Derrickson, dirigendo un Benedict che svolazza con il mantello rosso tra celo e terra.

schermata-2016-04-20-alle-13-07-02

L’ultima pellicola da andare a vedere è il thriller psicologico La ragazza del treno diretto da Tate Taylor, tratto dall’omonimo romanzo (best seller del 2015) di Paula Hawkins. Rachel è la classica trentacinquenne depressa: distrutta dall’alcol e tormentata dal suo difficile passato a causa della  rottura con il suo ex marito. Ogni mattina, dal finestrino del treno che la porta a New York, osserva morbosamente quella che le sembra la coppia perfetta che vive nella casa dei suoi sogni. Il regista spinge su una fotografia stretta sul volto pallido e gli occhi gonfi della bravissima Emily Blunt dirigendo e narrando un’opera sensibile ad alto tasso emotivo.

CONDIVIDI
Articolo precedente#CinemaAsiatico – Da Wong Kar-Wai a Tsukamoto
Articolo successivoNietzsche e 2001: Odissea nello spazio
Nato a Genova, classe 1991, da sempre ha una forte passione per il cinema. Lanciatosi fin da bambino nell’esplorazione del mondo del grande schermo, da alcuni anni ormai ha cercato di approfondire questa sua grande passione e chissà, magari, farne la sua futura professione. Dopo essersi laureato in Scienze Politiche presso l’Università di Genova, ha deciso d’iscriversi alla laurea specialistica di Informazione ed Editoria, sempre nel capoluogo ligure. A breve si laureerà discutendo una tesi su Gianfranco Rosi